Home

Per il Report di questa settimana Diari di Bordi si avvale della preziosa collaborazione di Riccardo Leto, architetto e progettista freelance, si laurea, seguendo il Corso di Laurea in Architettura, al Politecnico di Milano nel 2012 con una tesi al titolo: “Verona -Mantova. Le infrastrutture di relazione in un paesaggio di mezzo.” Fa parte del gruppo di progettisti che si è classificato al secondo posto al concorso indetto dal comune di San Giovanni Lupatoto.

2014-03-22 14.13.20

TANTI PROGETTI PER UN CENTRO STORICO PIU’ BELLO

Una meritevole iniziativa promossa dal Comune di San Giovanni Lupatoto (VR), che ha avviato un percorso di pianificazione del territorio finalizzato alla salvaguardia e riqualificazione del proprio centro storico. Il 22 marzo 2014 si è tenuta presso la struttura “Il Megafono” situata all’interno del Parco ai Cotoni, la giornata di premiazione del concorso di idee “Riqualificazione centro storico capoluogo San Giovanni Lupatoto” e l’inaugurazione della mostra dei lavori vincitori esposti lungo il viale ciclopedonale fino a domenica 6 aprile 2014. Devo ammettere un certo conflitto d’interesse nel redigere questo report per il blog DdB in quanto io stesso ho partecipato al concorso in questione collaborando con l’Architetto Filippo Mantovani di Castel d’Ario (MN) ed il suo team riuscendo ad aggiudicarci il secondo premio.

mostra

La giornata si è aperta con un’appassionata introduzione del Sindaco del Comune di San Giovanni Lupatoto, l’Architetto Federico Vantini il quale, oltre a presentare i tre progetti vincitori, ha espresso una propria riflessione sulla situazione attuale del centro storico, evidenziando la necessità di attuare interventi di riqualificazione dello stesso e identificando le strategie chiave per adempiere a tale compito soprattutto in relazione alle parti più degradate. Il degrado è sintomatico del distacco tra quella che era la vocazione industriale e commerciale del territorio comunale e quella che è la realtà che si presenta oggi ai nostri occhi: un luogo di passaggio perlopiù carrabile per coloro che sono diretti verso Verona o, in direzione opposta, verso Zevio, orfano del proprio insediamento industriale, il cotonificio, del quale rimane solo l’involucro fatiscente, a suo tempo vero e proprio cuore pulsante di tutta l’attività produttiva, promotore dello sviluppo economico e dell’agglomerato urbano. È proprio in questo contesto di insediamento industriale che si colloca la torre piezometrica, posta al centro di Piazza Umberto I: un elemento chiaramente riconoscibile, un monumento da salvaguardare rappresentativo delle origini del centro urbano, un landmark, un punto di riferimento che può fungere inoltre da punto di accesso laico all’area di progetto assieme a quelli religiosi costituiti dalla Chiesa della Madonnina da una parte e la parrocchiale dall’altra. Altro punto di debolezza su cui il Sindaco ha focalizzato l’attenzione è rappresentato dall’impotenza delle attività commerciali presenti lungo la direttrice principale del centro storico, costituita dal sistema Piazza Umberto I – Via Madonnina, ad oggi soffocate dal vicino centro commerciale. Il bando di concorso individuava in tal senso la necessità di rivitalizzare le suddette attività commerciali, obiettivo attuabile perseguendo politiche comuni di sviluppo e promozione del territorio per realizzare una vera e propria rete commerciale attraverso moderne forme di aggregazione e cooperazione di tutti gli operatori economici del centro urbano.

espositori

Tra le possibili strategie per il recupero e la riqualificazione si colloca quindi questo concorso di idee il cui scopo è quello di fornire una base di partenza per l’amministrazione comunale, uno spunto per le iniziative che si potranno in futuro intraprendere. Ogni progetto costituisce dunque un contributo importante alla realizzazione di linee guida per la riqualificazione urbana, architettonica ed anche sociale della città. La giornata è proseguita con la descrizione dei tre progetti vincitori, in ognuno dei quali è possibile individuare un progetto organico e unitario di riqualificazione attuata a diverse scale: da quella urbanistica con la riorganizzazione del sistema della viabilità veicolare, ciclabile, pedonale e dei parcheggi e la progettazione dello spazio pubblico urbano e del verde ricollegabile al Parco dell’Adige, a quella architettonica con lo studio e le ipotesi di riqualificazione dei fronti urbani, degli edifici particolarmente degradati e la rivalorizzazione della torre piezometrica, fino ad arrivare al dettaglio dell’arredo urbano. In seguito ha preso parola il Professore Carlo Peraboni, docente di urbanistica al Politecnico di Milano nonché membro della commissione giudicatrice del concorso nell’ambito della convenzione siglata tra il Comune di San Giovanni Lupatoto e l’ateneo lombardo. Il Professore ha illustrato i criteri che sono stati adottati per la valutazione dei lavori pervenuti specificando che sono risultati vincitori i progetti che maggiormente hanno approfondito gli aspetti richiesti dal bando alle diverse scale di dettaglio. Ha espresso inoltre la comune necessità di rapportarsi alla “cultura del progetto”, e non alla “cultura della norma”: un concetto fondamentale sul quale ha posto particolare enfasi dal momento che sono le norme a derivare dalla corretta progettualità e non viceversa. La giornata è culminata con l’inaugurazione dell’esposizione dei lavori lungo il viale ciclopedonale e con la premiazione e consegna dell’assegno a Net Mobility, il team che ha redatto il progetto classificato al primo posto.

Onore al merito ai primi classificati ed un plauso anche ai secondi!

©Riccardo Leto

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...